mercoledì 9 marzo 2016

Storie di Archivi

Magnificent Logo
____________________________________
UOMINI CHE FANNO LA STORIA  - (E GLI STORICI)

All'indirizzo dell' I.N.S.M.L.I. - qui sotto il link - si pubblicizza un importante appuntamento della prossima e - speriamo - imminente primavera. Presso  l'ex Ospedale San Luigi, in via Piave 21, sede delle Sezioni Riunite dell’Archivio di Stato di Torino, si inaugura la mostra "Storie di archivi, storie di uomini. L’Archivio di Stato di Torino tra guerra e Resistenza".


dal sito: 
"La mostra aperta fino al prossimo 2 giugno è dedicata a un periodo complesso e terribile per il nostro Paese, quello della seconda guerra mondiale, vissuto in qualità di testimoni e attori anche dagli uomini e dalle donne in servizio presso le Sezioni Riunite dell’Archivio di Stato di Torino, ubicate nell’ex Ospedale San Luigi.
Il materiale esposto comprende documenti, oggetti e fotografie meticolosamente raccolti e conservati in quegli anni, di cui racconta la drammaticità ma anche la forte tensione morale e il protagonismo politico che li caratterizzarono. Si vuole offrire una rappresentazione non solo locale di quell’importante evento storico, fondamento della nostra Repubblica, che permetterà ai visitatori, in particolare ai più giovani, di scoprire la Resistenza “tra le mura domestiche”, le strade che percorrono quotidianamente: cognomi non del tutto sconosciuti e “anonimi” volti in bianco e nero diventati, a volte loro malgrado, testimoni di un ideale e di un’intera epoca.
archivio2
Filo conduttore della mostra è Matteo Sandretti, che rischiò più volte la sua stessa vita insieme ai colleghi per mettere in salvo dai bombardamenti i documenti dell’Archivio. Il suo senso di consapevolezza storica e di responsabilità politica lo portò nel 1944 ad aderire al Comitato di liberazione nazionale piemontese,trasformando la sede dell’Archivio di Stato in un centro operativo clandestino. Finita la guerra l’obiettivo di Sandretti fu salvaguardare la memoria della Resistenza, diffonderla e trasformarla in storia: la mostra intende far riemergere quelle vicende."


LINK PER ACCEDERE

Portale della rete degli Istituti per la storia della Resistenza e della società contemporanea in Italia

lunedì 13 ottobre 2014

Ultimo discorso di un uomo libero

LA HISTORIA ES NUESTRA

Uno degli uomini che più mi ha insegnato con il suo esempio.
(Allende non era perfetto, era un uomo, un socialista, un compagno, e nessun errore compiuto, né storico, né morale, né strategico, cancellerà in me un briciolo di ammirazione).


FONTE: http://www.ciudadseva.com/textos/otros/ultimodi.htm



Santiago de Chile
11 de septiembre de 1973
7:55 A.M. Radio Corporación
Habla el presidente de la República desde el Palacio de La Moneda. Informaciones confirmadas señalan que un sector de la marinería habría aislado Valparaíso y que la ciudad estaría ocupada, lo que significa un levantamiento contra el Gobierno, del Gobierno legítimamente constituido, del Gobierno que está amparado por la ley y la voluntad del ciudadano.
En estas circunstancias, llamo a todos los trabajadores. Que ocupen sus puestos de trabajo, que concurran a sus fábricas, que mantengan la calma y serenidad. Hasta este momento en Santiago no se ha producido ningún movimiento extraordinario de tropas y, según me ha informado el jefe de la Guarnición, Santiago estaría acuartelado y normal.
En todo caso yo estoy aquí, en el Palacio de Gobierno, y me quedaré aquí defendiendo al Gobierno que represento por voluntad del pueblo. Lo que deseo, esencialmente, es que los trabajadores estén atentos, vigilantes y que eviten provocaciones. Como primera etapa tenemos que ver la respuesta, que espero sea positiva, de los soldados de la Patria, que han jurado defender el régimen establecido que es la expresión de la voluntad ciudadana, y que cumplirán con la doctrina que prestigió a Chile y le prestigia el profesionalismo de las Fuerzas Armadas. En estas circunstancias, tengo la certeza de que los soldados sabrán cumplir con su obligación. De todas maneras, el pueblo y los trabajadores, fundamentalmente, deben estar movilizados activamente, pero en sus sitios de trabajo, escuchando el llamado que pueda hacerle y las instrucciones que les dé el compañero presidente de la República.

8:15 A.M.
Trabajadores de Chile:
Les habla el presidente de la República. Las noticias que tenemos hasta estos instantes nos revelan la existencia de una insurrección de la Marina en la Provincia de Valparaíso. He ordenado que las tropas del Ejército se dirijan a Valparaíso para sofocar este intento golpista. Deben esperar la instrucciones que emanan de la Presidencia. Tengan la seguridad de que el Presidente permanecerá en el Palacio de La Moneda defendiendo el Gobierno de los Trabajadores. Tengan la certeza que haré respetar la voluntad del pueblo que me entregara el mando de la nación hasta el 4 de Noviembre de 1976. Deben permanecer atentos en sus sitios de trabajo a la espera de mis informaciones. Las fuerzas leales respetando el juramento hecho a las autoridades, junto a los trabajadores organizados, aplastarán el golpe fascista que amenaza a la Patria.

8:45 A.M.
Compañeros que me escuchan:
La situación es crítica, hacemos frente a un golpe de Estado en que participan la mayoría de las Fuerzas Armadas. En esta hora aciaga quiero recordarles algunas de mis palabras dichas el año 1971, se las digo con calma, con absoluta tranquilidad, yo no tengo pasta de apóstol ni de mesías. No tengo condiciones de mártir, soy un luchador social que cumple una tarea que el pueblo me ha dado. Pero que lo entiendan aquellos que quieren retrotraer la historia y desconocer la voluntad mayoritaria de Chile; sin tener carne de mártir, no daré un paso atrás. Que lo sepan, que lo oigan, que se lo graben profundamente: dejaré La Moneda cuando cumpla el mandato que el pueblo me diera, defenderé esta revolución chilena y defenderé el Gobierno porque es el mandato que el pueblo me ha entregado. No tengo otra alternativa. Sólo acribillándome a balazos podrán impedir la voluntad que es hacer cumplir el programa del pueblo. Si me asesinan, el pueblo seguirá su ruta, seguirá el camino con la diferencia quizás que las cosas serán mucho más duras, mucho más violentas, porque será una lección objetiva muy clara para las masas de que esta gente no se detiene ante nada. Yo tenía contabilizada esta posibilidad, no la ofrezco ni la facilito. El proceso social no va a desaparecer porque desaparece un dirigente. Podrá demorarse, podrá prolongarse, pero a la postre no podrá detenerse. Compañeros, permanezcan atentos a las informaciones en sus sitios de trabajo, que el compañero Presidente no abandonará a su pueblo ni su sitio de trabajo. Permaneceré aquí en La Moneda inclusive a costa de mi propia vida.

9:03 A.M. Radio Magallanes
En estos momentos pasan los aviones. Es posible que nos acribillen. Pero que sepan que aquí estamos, por lo menos con nuestro ejemplo, que en este país hay hombres que saben cumplir con la obligación que tienen. Yo lo haré por mandato del pueblo y por mandato conciente de un Presidente que tiene la dignidad del cargo entregado por su pueblo en elecciones libres y democráticas. En nombre de los más sagrados intereses del pueblo, en nombre de la Patria, los llamo a ustedes para decirles que tengan fe. La historia no se detiene ni con la represión ni con el crimen. Esta es una etapa que será superada. Este es un momento duro y difícil: es posible que nos aplasten. Pero el mañana será del pueblo, será de los trabajadores. La humanidad avanza para la conquista de una vida mejor.
Pagaré con mi vida la defensa de los principios que son caros a esta Patria. Caerá un baldón sobre aquellos que han vulnerado sus compromisos, faltando a su palabra... rota la doctrina de las Fuerzas Armadas.
El pueblo debe estar alerta y vigilante. No debe dejarse provocar, ni debe dejarse masacrar, pero también debe defender sus conquistas. Debe defender el derecho a construir con su esfuerzo una vida digna y mejor.

9:10 A.M.
Seguramente ésta será la última oportunidad en que pueda dirigirme a ustedes. La Fuerza Aérea ha bombardeado las torres de Radio Postales y Radio Corporación. Mis palabras no tienen amargura sino decepción Que sean ellas el castigo moral para los que han traicionado el juramento que hicieron: soldados de Chile, comandantes en jefe titulares, el almirante Merino, que se ha autodesignado comandante de la Armada, más el señor Mendoza, general rastrero que sólo ayer manifestara su fidelidad y lealtad al Gobierno, y que también se ha autodenominado Director General de carabineros. Ante estos hechos sólo me cabe decir a los trabajadores: ¡Yo no voy a renunciar! Colocado en un tránsito histórico, pagaré con mi vida la lealtad del pueblo. Y les digo que tengo la certeza de que la semilla que hemos entregado a la conciencia digna de miles y miles de chilenos, no podrá ser segada definitivamente. Tienen la fuerza, podrán avasallarnos, pero no se detienen los procesos sociales ni con el crimen ni con la fuerza. La historia es nuestra y la hacen los pueblos.
Trabajadores de mi Patria: quiero agradecerles la lealtad que siempre tuvieron, la confianza que depositaron en un hombre que sólo fue intérprete de grandes anhelos de justicia, que empeñó su palabra en que respetaría la Constitución y la ley, y así lo hizo. En este momento definitivo, el último en que yo pueda dirigirme a ustedes, quiero que aprovechen la lección: el capital foráneo, el imperialismo, unidos a la reacción, creó el clima para que las Fuerzas Armadas rompieran su tradición, la que les enseñara el general Schneider y reafirmara el comandante Araya, víctimas del mismo sector social que hoy estará en sus casas esperando con mano ajena reconquistar el poder para seguir defendiendo sus granjerías y sus privilegios.
Me dirijo, sobre todo, a la modesta mujer de nuestra tierra, a la campesina que creyó en nosotros, a la abuela que trabajó más, a la madre que supo de nuestra preocupación por los niños. Me dirijo a los profesionales de la Patria, a los profesionales patriotas que siguieron trabajando contra la sedición auspiciada por los colegios profesionales, colegios de clases para defender también las ventajas de una sociedad capitalista de unos pocos.
Me dirijo a la juventud, a aquellos que cantaron y entregaron su alegría y su espíritu de lucha. Me dirijo al hombre de Chile, al obrero, al campesino, al intelectual, a aquellos que serán perseguidos, porque en nuestro país el fascismo ya estuvo hace muchas horas presente; en los atentados terroristas, volando los puentes, cortando las vías férreas, destruyendo lo oleoductos y los gaseoductos, frente al silencio de quienes tenían la obligación de proceder. Estaban comprometidos. La historia los juzgará.
Seguramente Radio Magallanes será acallada y el metal tranquilo de mi voz ya no llegará a ustedes. No importa. La seguirán oyendo. Siempre estaré junto a ustedes. Por lo menos mi recuerdo será el de un hombre digno que fue leal con la Patria.
El pueblo debe defenderse, pero no sacrificarse. El pueblo no debe dejarse arrasar ni acribillar, pero tampoco puede humillarse.
Trabajadores de mi Patria, tengo fe en Chile y su destino. Superarán otros hombres este momento gris y amargo en el que la traición pretende imponerse. Sigan ustedes sabiendo que, mucho más temprano que tarde, de nuevo se abrirán las grandes alamedas por donde pase el hombre libre, para construir una sociedad mejor.
¡Viva Chile! ¡Viva el pueblo! ¡Vivan los trabajadores!
Estas son mis últimas palabras y tengo la certeza de que mi sacrificio no será en vano, tengo la certeza de que, por lo menos, será una lección moral que castigará la felonía, la cobardía y la traición.

ascolta la registrazione: http://www.ciudadseva.com/textos/otros/sa-11sep.mp3

domenica 21 settembre 2014

quale mostro stiamo alimentando?

Chi sono i feroci assassini di quello che si chiama Califfato? Che prima si chiamava ISIS ora IS, e sta annettendo parti sempre più grandi di quello che un tempo era una delle regioni politicamente stabili di tutto il Medio Oriente?
Che mostro abbiamo creato?
Chi li ha finanziati? Quali sono i rapporti tra i paesi arabi "moderati", da sempre alleato con gli USA, con queste milizie che - guarda caso - sono cresciute dal nulla dopo le operazioni Afganistan - Iraq - Siria, Libia, l'uccisione in diretta mediatica di Bin Laden?
Perché non si parla di come la gente vive nelle città occupate dalla bandiera nera? E delle uccisioni di semplici cittadini scoperti a bere birra, a fumare hashish, tabacco, ad appartenere alla religione cristiana e sciita?
La cosa terribile è che questi folli stanno "educando" le nuove generazioni all'odio e alla violenza contro chi non appartiene al Califfato?
Cosa succederà tra cinque anni? Dopo i dieci anni vengono addestrati, educati a una interpretazione falsata del Corano?
Dio è Grande e Misericordioso, dice la Sura più famosa. Dove insegnano la misericordia di Allah questi fanatici?
I bambini dai quindici anni possono partecipare alle operazioni militari, e possono diventare, in pochi anni, uno degli eserciti più fanatici e potenti del Medio Oriente?
Perché l'America non accetta la collaborazione con Iran, con la Siria, con quel che resta delle nazioni stabili (con tutti i loro difetti e tiranni)? Perché non chiarisce quali sono i rapporti con gli stati del Golfo che stanno - sottobanco - finanziando questi folli?
Perché non chiariscono che qualche occidentale compra il petrolio dall'Isis a prezzi stracciati, contribuendo a rendere più forte questo stato?
L'ISIS combatte con le armi sofisticate che Bush (e Obama) ha fornito all'Iraq dopo aver distrutto lo stato di Saddam, dopo aver finanziato i ribelli contro lo stato di Gheddafi (che per quanto tiranno non era certo un fanatico della Sharia) o aver combattuto Saddam che (anche lui) per quanto tiranno garantiva piena libertà di culto a tutte le religioni (c'erano 56 chiese solo a Bagdad, un arcivescovado, missioni, e tutte protette dallo Stato laico)

E ora?
Basta con i doppi giochi, basta fare affari con questi folli, basta disinformazione.


giovedì 21 agosto 2014

VERGNOGNA

http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2014/08/20/news/archivio_di_stato-90863417/?ref=HREC1-5

MA COSA STA SUCCEDENDO?

SALVIAMO IL NOSTRO PAESE, LA NOSTRA MEMORIA

VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!111111

martedì 17 dicembre 2013

Una verità scomoda. Una comoda bugia

Falsità documentale: ora basta!

Nessuno nega le atrocità compiute dopo la fine della guerra nei confini tra Trieste e la Slovenia, ma almeno controlliamo le fonti iconografiche.

Come possiamo parlare di italiani martiri dei titini mostrando questa foto?

 Sono martiri della resistenza slovena uccisi dalle truppe di Roatta.

Oppure mostrare le immagini degli sceneggiati come "fonti documentali dell'epoca".

Oppure usare questa foto (servizio sui RAI TRE)

quando è presa da questa foto






Ecco una semplice circolare del criminale generale Roatta, comandante militare della Slovenia

S L O V E N I !
- Al momento dell’annessione, l’Italia vittoriosa vi ha dato condizioni estremamente umane e favorevoli. Dipendeva da voi, ed unicamente da voi, di vivere in un’oasi di pace.
 Invece molti di voi hanno impugnato le armi contro le autorità e le truppe italiane.
 Queste, per un alto senso di civiltà ed umanità, si sono limitate all’azione militare, evitando misure che gravassero sul’insieme della popolazione ed ostacolassero la normale vita economica del paese. E’ solo quando i rivoltosi sono trascesi ad orrendi delitti contro italiani isolati, contro vostri pacifici concittadini e persino contro donne e bambini, che le autorità italiane sono ricorse a misure di rappresaglia ed a qualche provvedimento restrittivo, di cui soffrite per causa dei rivoltosi
 Ora, poichè i rivoltosi continuano la serie di delitti, e poichè una parte della popolazione persiste nel favorire la ribellione, disponiano quanto segue:
1°) - A partire da oggi nell’intera Provincia di Lubiana:
  sono soppressi tutti i treni viaggiatori locali;
  è vietato a chiunque viaggiare sui treni in transito, tranne a chi è in possesso di passaporto per le altre provincie del regno e per l’estero;
  sono soppresse tutte le autocorriere;
  è vietato il movimento con qualsiasi mezzo di locomozione, fra centro abitato e centro abitato;
  è vietata la sosta ed il movimento, tranne che nei centri abitati, nello spazio di un chilometro dai due lati delle linee ferroviarie. (Sarà aperto senz’altro il fuoco sui contravventori);
  sono soppresse tutte le comunicazioni telefoniche e postali, urbane ed interurbane.
2°) - A partire da oggi nell’intera Provincia di Lubiana, saranno immediatamente passati per le armi:
  coloro che faranno comunque atti di ostilità alle autorità e truppe italiane;
  coloro che verranno trovati in possesso di armi, munizioni ed esplosivi;
  coloro che favoriranno comunque i rivoltosi;
  coloro che verranno trovati in possesso di passaporti, carte di identità e lasciapassare falsificati;
  i maschi validi che si troveranno in qualsiasi atteggiamento - senza giustificato motivo - nelle zone di combattimento.
3°) - A partire da oggi nell’intera Provincia di Lubiana, saranno rasi al suolo:
  gli edifizii da cui partiranno offese alle autorità e truppe italiane;
  gli edifizii in cui verranno trovate armi, munizioni, esplosivi e materiali bellici;
  le abitazioni in cui i proprietari abbiano dato volontariamente ospitalità ai rivoltosi.
 Sapendo che fra i rivoltosi si trovano individui che sono stati costretti a seguirli nei boschi, ed altri che si pentono di aver abbandonato le loro case e le loro famiglie, garantiamo salva la vita a coloro che, prima del combattimento, si presentino alle truppe italiane e consegnino loro le armi.
 Le popolazioni che si manterranno tranquille, e che avranno contegno corretto rispetto alle autorità e alle truppe italiane, non avranno nulla a temere, nè per le persone, nè per i loro beni.

gen. Roatta, Lubiana luglio 1942 - XX



mercoledì 14 agosto 2013

Adua: sconfitta o vittoria?

Adua, francobollo celebrativo.


Adua: sconfitta o vittoria?

Ci si interroga spesso sul ruolo del colonialismo italiano, e si finisce sempre per identificarlo con il fascismo e la sua avventura etiope. Invece l'Italia è stata, a tutti gli effetti, un paese colonialista.

Depretis, nel 1881, cercava un pretesto per impossessarsi della Tunisia. In effetti il paese nordafricano era a due passi dalla Sicilia, e alla Tunisia eravamo vicini anche economicamente, visti i numerosi scambi commerciali, soprattutto nel settore della pesca. Invece ci pensarono i francesi ad annettersi la terra araba. A Depretis venne un attacco di bile. Decise allora di volgersi verso Massaua, già italiana per un accordo commerciale con gli inglesi. E già questo la dice lunga su come l'Africa fosse ritenuta possesso esclusivo europeo.
Lo stato italiano, quindi, aveva la sua base coloniale, il porto di Massaua. Assieme ad Assab formò i primi possedimenti italiani nel Mar Rosso , chiamati pomposamente Colonia eritrea.
Delle popolazioni autoctone, (etiopiche, dancale, somale , ecc.) non se ne curavano affatto. Secondo il ragionamento dell'epoca, erano popolazioni "abituate" al dominio straniero (prima gli egizi, poi i sultani, poi gli inglesi, ecc.)
Faceva eccezione l'Etiopia, in quegli anni guidata dal Negus Neghesti  Giovanni IV, affiancato dal Re del Sud, il Negus (che significa Re): Menelik.

Gli italiani acquistarono (e dagli!) dagli inglesi Zeila, affittarono il porto di Chisimaio, alla foce del fiume Giuba (Somalia).
Vollero poi occupare, manu militari, la città di Harar, che rappresentava per gli etiopi un simbolo. Era infatti, per loro, la "città santa". Ma Menelik, saputa la decisione italiana, occupò militarmente la città.
Gli italiani cercarono di espandersi a Sud Est, ma si scontrarono con Menelik a Dogali.
Siamo nel 1887, e questa è la prima sconfitta. In Patria si parlò a lungo di Menelik, anche nelle canzoni, famosa quella in occasione della guerra successiva, verso l'Abissinia.

Correte giovanotti in Abissinia
dove Toselli fu sacrificato
c'è Makallè da ben fortificare
ci son morette da poter baciare
E se l'Africa ci piglia
lasceremo la famiglia
e Menelicche
le palle son di piombo e non pasticche!
(anonimo, 1901)

Agli italiani non restava che comperare Tramite il console di Aden, l'Italia si prese Obbia, Mingiurtina. Altri porti vennero "affittati" dai vari sultani. Per esempio Benadir fu affittata dal sultano di Zanzibar a una società commerciale che agiva per conto del governo itailano (la Filonardi).
Benadir divenne allora il porto avanzato dal quale partire per altre avvenuture.
Menelik, intanto, era diventato unico Negus dell'Etiopia, unificando un territorio immenso sotto il suo governo.
Menelik concesse agli italiani di restare sull'altopiano. In cambio l'Italia diventava il partner commerciale esclusivo per i prodotti etiopi. Dobbiamo ricordare che non erano affatto arretrati come si pensa comunemente. Menelik aveva creato una rete di comunicazioni efficace. Gli scambi commerciali (lana, pellame, cereali, incenso, mirra e altri prodotti tipici) erano vantaggiosi per l'Italia. Ma gli itaiani non seppero vedere le grandi opportunità che avevano davanti. Avrebbero dovuto riconoscere Menelik in uno scambio diplomatico alla pari. Si preferì invece pensare che Menelik riconoscesse all'Italia un protettorato sull'Etiopia.

Gli italiani pensarono allora di incrementare i loro possedimenti. Presi dall'appetito coloniale si mossero verso l'Abissinia, provocando la reazione di Menelik. Le sconfitte di Amba Alagi e Makallè non bastarono.

Adua 1º marzo 1896. Comandati dal generale Baratieri, allora governatore militare dell'Eritrea,  che aveva fama di buon stratega, gli italiani e le loro truppe ascare si trovarono davanti a tutto l'esercito del Negus.
Caddero circa 5000 italiani e 2500 ascari tra quelle dune.
Così termina l'avventura italiana in Etiopia e in Abissinia di Francesco Crispi, che si dimise anche dalla presidenza del consiglio.

Adua è, nell'immaginario collettivo italiano, sinomino di sconfitta militare.
Fu anche la giustificazione per il colonialismo italiano del primo Novecento, per "lavare l'onta di Adua".

Ma se cambiamo punto di vista, Adua rappresenta per gli africani la prima grande vittoria contro il colonialilsmo europeo.

Per capire il loro punto di vista, guardiamo questo cortometraggio:

http://www.youtube.com/watch?v=jTixsxuyjD4


lunedì 4 marzo 2013


PRIMAVERA 2013:  siamo a quello che si definisce "una svolta" storica.

Braudel, il grande storico amico e allievo di Bloch, teorizzò i cicli storici, rapportandoli all'intera storia umana.
Ogni ciclo storico si sviluppava, progrediva, arrivava a uno stallo e poi cominciava la decadenza.A ogni fine del ciclo una svolta: il lasso termporale in cui questo fenomeno si svolgeva era di alcuni secoli.

Ora, con l'incredibile velocità dello sviluppo umano, sia delle comunicazioni delle idee che della loro mutabilità, i cicli - a mio parere - si sono ridotti in termini temporali.
Grossomodo: Prima guerra mondiale e conseguenze (totalitarismi, liberalismo, capitalismo e collettivismo). Seconda guerra mondiale e conseguenze (guerra fredda, blocchi);
1989: fine del comunismo, crollo delle ideologie e ritorno delle guerre religiose (a partire dall'Afghanistan)
.
L'Europa ha tentato di arginare la sua crisi (politica, economica e ideologica) con la creazione di una unità economica fittizia, senza basi politiche, sociali, idelogiche, linguistiche, culturali.
L'Europa unita non è l'Europa che pensavano i veri europeisti, come Spinelli e Rossi, solo per citare gli italiani. Loro pensava alla creazione di una unità politica ben definita, con poteri esecutivi e legislativi reali.
L'integrazione economica poteva funzionare solamente con una autorevole unità politica, e con una rinuncia parziale alla sovranità nazionale in determinati campi (non di certo nel bilancio annuale, o nell'imposizione di riforme economo-sociali).

Bastava esportare il concetto di decentramento amministrativo, e di divisione delle competenze: dai comuni alle regioni (elininando le province), dalle regioni agli stati nazionali, dagli stati nazionali allo Stato comune europeo. Bastava tracciare con chiarezza le riserve di legge, e allargare la poterstà legislativa residuale all'Europa (quella che ora appartiene allo Stato dopo le nostre ultime "vere" riforme) .
Avremmo avuto un controllo comune sulla finanza, sulle banche d'affari, ecc.
Avremmo avuto la forza di respingere gli attacchi speculativi provenienti dal proprio interno e da altri lobby finanziarie esterne.
Avremmo avuto una banca centrale che forniva credito alle piccole e medie imprese a tassi da economia reale, all'imprenditoria giovanile, un sostegno al reddito, delle regole di accesso al mercato del lavoro e stipendi uniformi, lasciando alla contrattazione nazionale, regionale, compartimentale o di categoria la flessibilità (nella produzione, negli stipendi, nella tassazione, nell'accesso al lavoro e nella flessibilità in uscita)

Il reddito di cittadinanza avrebbe consentito ai precari di programmare un futuro, anche a breve termine, ma senza la paura del domani, dei debiti, degli studi, e spesso di come mettere insieme pranzo e cena.

Dopo le elezioni politiche siamo nell'impossibilità di creare un governo.
Ma possiamo ancora trovare la nostra via. In Parlamento ci sono forze che hanno sempre chiesto un progresso sostenibile, una riforma della politica, la fine dei privilegi, dei super stipendi, delle super pensioni, delle prebende di Stato, dei redditi del manager pubblici, o misto pubblico.
Una legge elettorale che ridia voce ai citadini, una legge sul conflitto di interessi e contro la corruzione.
poche cose, chiare, semplici, e ora ... possibili!
Che importa se il governo durerà un anno, due anni? si facciano queste cose, anche solo metà di queste, e poi si torni a votare, finalmente con una legge elettorale seria!

altrimenti temo che si riominci con la strategia della tensione... e tutto quel che è seguito a quella stagione cominciata nel 1963 ("il rumore di sciabole" come lo definiva Nenni).
Ma oggi non ci sono più Berlinguer, De Martino, Moro, Saragat, o prima ancora Togliatti Nenni, ecc.

MA VOGLIO TERMINARE QUESTA RIFLESSIONE CON UNA CANZONE, UNA DI QUELLE CHE RAPPRESENTA UN PEZZO DI STORIA.
 pubblicata alla fine di quel "ciclo" che partiva dal 68-69 e arrivata al 77 - 79

Mi permetto di pubblicare un video tratto da Yout...e
So che è una violazione dei diritti d'autore, ma condivido lo stesso.

E' una canzone che appartiene alla mia generazione, e anche a quella che mi ha preceduto.
 La cazone è tratta da un disco molto interessante, "ma non è una malattia", e l'autore è un vecchio amico elettivo, Gianfranco Manfredi.

Manfredi è uno scrittore, uno sceneggiature, un cabarettista, un regista, un pensatore e un dissacratore del pensiero altrui - e proprio. Una delle tante menti che hanno contribuito a rendere una stagione politica, quella che va dal 1968 al 1979 (teniamoci larghi), unica per sogni, partecipazione, aspirazioni, utopie, e anche tanti errori e orrori.

Il testo parla di tante cose, private e pubbliche, come si diceva al tempo "il privato è pubblico e viceversa". Un testo che parla di tutto questo di cui ho parlato, ossia "partecipazioni, aspirazioni, utopie, errori e orrori", e tante altre cose.

http://www.youtube.com/watch?v=lr7J5Wf28sw

BUON ASCOLTO

domenica 23 dicembre 2012

Il prigioniero di Salò. Presentazione del libro di Mimmo Franzinelli

Venerdì 28 dicembre, alle ore 18, presso la libreria Mondadori di Piazza Insurrezione, ho il piacere di presentare il nuovo libro di Mimmo Franzinelli, Il prigioniero di Salò, ed. Mondadori.

Considero Mimmo Franzinelli uno dei più auterovoli e praparati storici italiani, oltre ad essere, senza alcun dubbio, il più indipendente.

Infatti Mimmo non è legato ad alcuna "scuola" interpretativa. Non ripete la "vulgata storica" della sinistra comunista, tanto per usare un termine abusato da chi, invece, è legato a una altrettanto "vulgata storica" anticomunista.

Mimmo non è nemmeno legato a questa o quella università, e non è mai voluto entrare a farne parte, per non essere condizionato nella direzione della sua ricerca.

Il nuovo libro è "il prigioniero di Salò", un ritratto inedito di Benito Mussolini negli ultimi due terribili anni della guerra civile, dalla fine del 1943 alla primavera del 1945.
E' basato su una ricerca d'archivio su fonti inedite o poco conosciute. Ma quello che più colpisce è il ritratto umano, piscologico, a tratti impietoso ma rigorosamente imparziale.
Mussolini, infatti, è doppiamente prigioniero: del proprio mito e dell'ormai ex alleato e ora occupante, i nazisti.

Il Duce, il creatore dell'Impero, era colui che, nell'immaginario collettivo di quegli anni, aveva saputo fare dell'Italia contadina e arretrata una potenza coloniale rispettata e temuta da tutto il mondo
La realtà era emersa in pochi mesi, dal giugno del 1940 alla disastrosa campagna di Grecia, e di lì a poco terminata con la terribile ritirata di Russia,.
Nel giugno 1943 Roma viene bombardata, la Sicilia è invasa, le colonie perdute, anche la Libia, ereditata dal Regime di Mussolini dal vecchio Stato liberale (ricordate? la grande proletaria si è mossa, scriveva Pascoli nel 1911, quando Giolitti si imbarca nell'avventura coloniale
E' prigioniero degli alleati tedeschi, che usano il suo restante prestigio per fare dell'Italia una terra occupata militarmente.

L'uomo che sembrava tenere in mano i destini del mondo, come era riuscito a fare a Monaco nel 1938, evitando lo scoppio della guerra mondiale, è ora ridotto al ruolo di comparsa, di fantoccio nelle mani dei veri padroni, i tedeschi, che lo tengono a capo di uno stato privo di sovranità, la Repubblica sociale italiana. Hitler, che un tempo si dichierava suo ammiratore, ora gli toglie perfino la Venezia Giulia, l'Istria, l'Alto Adige, inglobato nel Reich con il nome di l'Adriatisches Küstenland (Supremo Commissariato per il Litorale Adriatico), in pratica realizzando effettivamente quella "vittoria mutilata" che era stata l'idea aggregante, il nucleo attorno al quale era sorto il fascismo delle origini.

Mimmo Franzinelli analizza il dramma umano e storico del capo del fascismo, la sua impotenza, la sua disperata lotta per mantenere un minimo di dignità, cercand, in alcune occasioni, di evitare le feroci rappresaglie che i nazisti compiono nell'Italia dello spaventoso inverno del 1944, mentre altre volte è preso da un inspiegabile rancore contro il suo stesso popolo.

Lo storico descrive con minuzia di particolari la parabola discendente del duce del fascismo, e unico detentore del potere dal 1922 al 1943, attraverso gli occhi dei protagonisti, dei nemici e degli amici, quei pochi che gli restano. Vedremo anche come Mussolini perda prestigio anche agli occhi dei suoi stessi familiari, fino all'epilogo finale, inglorioso e crudele, di Piazzale Loreto.

Ma soprattutto vedremo come l'unica persona che lo sosterrà fino alla fine, che non lo tradirà mai, è la sua amante, Claretta Petacci, che arriverà a condividerne la sorte infuasta.
Franzinelli però non indugia su questi aspetti "romantici", ma va a fondo sulla natura del loro rapporto, e sulla trasformazione di Claretta, da ragazzina che scriveva poesie sul Capo, e ora le scrive:
<> (vedi pag. 50 del libro)


 

lunedì 1 ottobre 2012

E' morto un grande storico. Un maestro.

Con profonda tristezza rendo omaggio a un grande della storiografia moderna e contemporanea: Eric Hobsbawn.
Un maestro, una guida, un riferimento continuo.
E con Eric muore anche il critico jazz, lo scrittore, il politico.

Ecco la sua scrivania.



sabato 29 settembre 2012

martedì 5 giugno 2012

Storia (minima) delle riforme delle pensioni in Italia


LA STORIA (MINIMA) DELLE RIFORME DELLE PENSIONI IN ITALIA

La pensione: un miraggio o un diritto? Quali e quante sono state le riforme delle pensioni in Italia?

Vediamo come è cambiato il nostro sistema previdenziale dalla fine dell'Ottocento al primo decennio del Duemila.


1898: nasce la Cassa nazionale di previdenza per l’invalidità e la vecchiaia degli operai: si trattava di un’assicurazione volontaria integrata da un contributo di incoraggiamento dello Stato e dal contributo, anch’esso libero, degli imprenditori.
1919 nasce l’assicurazione per l’invalidità e la vecchiaia che – dall'anno 1920 -diventa obbligatoria e interessa 12 milioni di lavoratori.
1939: in pieno regime fascista vengono istituite assicurazioni contro la disoccupazione, la tubercolosi. Vengono istituti gli assegni familiari; introdotte le integrazioni salariali per i lavoratori sospesi o ad orario ridotto. Il limite minimo per la pensione diventa 60 anni per gli uomini e a 55 per le donne; istituita la pensione di reversibilità a favore dei superstiti dell’assicurato e del pensionato.
La riforma fascista è adottata anche dalla nuova Repubblica italiana.
1952: viene emanata la legge n. 218 del 4 aprile RIFORMA RUBINACCI riforma l’assicurazione per l’invalidità, la vecchiaia ed i superstiti (. La formula di calcolo della pensione rimane contributiva e s’introduce l’istituto della c.d. “integrazione al minimo”, con la quale si eroga ai pensionati con ridotta anzianità contributiva una pensione minima che garantisce una sopravvivenza dignitosa. Dalla fine degli anni ’50, sulla base delle previsioni contenute nell’articolo 38 della Costituzione, che prevede tutele per tutti i lavoratori, siano essi dipendenti o autonomi, l’assicurazione obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti, è estesa progressivamente ai lavoratori autonomi, coltivatori diretti, artigiani e commercianti.



legge n. 153 del 30 aprile 1969, RIFORMA BRODOLINI, in base alla quale si abbandona definitivamente ogni forma di capitalizzazione; si adotta la formula retributiva per il calcolo della pensione in forma generalizzata, svincolando il calcolo della pensione dai contributi effettivamente versati e legando la prestazione alla retribuzione percepita negli ultimi anni di lavoro
si istituisce:
  • la pensione sociale (per i cittadini ultra 65enni sprovvisti di assicurazione, che non hanno un minimo di reddito)
    -la pensione di anzianità (per i cittadini con 35 anni di contribuzione pur non avendo raggiunto l’età pensionabile);
  • si estende all’assicurazione invalidità e vecchiaia, nei limiti della prescrizione decennale il principio dell’automaticità delle prestazioni; la perequazione delle pensioni, che consiste nella rivalutazione delle pensioni in pagamento in base all’indice dei prezzi al consumo, che diventa automatica.
  • Dal 1975 la perequazione delle pensioni è agganciata, oltre che ai prezzi, anche ai salari, consentendo così una tutela effettiva del valore reale delle pensioni. Sarà la riforma “AMATO” (amato da chi?) che la cancellerà
1981, PRIMA Commissione Castellino (Ministro del Tesoro): analisi del sistema pensionistico riguardo all'età pensionabile, al collegamento percentuale alla retribuzione, alla retribuzione pensionabile, alla cumulabilità tra pensione ed altri redditi e alla formula di indicizzazione.
PARTONO DA QUI LE VARIE RIFORME – IN NOME DEL LIBERALISMO ALLA “TATCHER” E AL NOSTRO UOMO FORTE DEL MOMENTO: BETTINO CRAXI
.
Nel 1983, il Governo Craxi tentò di affrontare il problema, ma il progetto approntato dal ministro del lavoro De Michelis venne respinto già in sede di presentazione in Consiglio dei Ministri nel luglio del 1984.
1984 SECONDA Commissione Cristofori incaricata di predisporre un testo di riforma che però si protrasse senza esiti fino al 1987
1984-87 RIFORMA DELLE PENSIONI DI INVALIDITÀ attuata con la legge n. 222 del giugno 1984, che abolì qualsiasi riferimento ai fattori socio economici e stabilì che ai fini della concessione della prestazione era rilevante solo la situazione sanitaria legata alla incapacità lavorativa del richiedente. Il testo, esaminato in Aula all'inizio del 1987 abortì per lo scioglimento anticipato della legislatura.
1989-1990: legge 8 marzo 1989, n. 88 di ristrutturazione dell’INPS - istituzione della GIAS (gestione per gli interventi assistenziali e di sostegno)
legge 2 agosto 1990 n. 233 REGALO AI LAVORATORI AUTONOMI - riforma della previdenza dei lavoratori autonomi che, approvata con il consenso di tutti i partiti, equiparò la modalità di calcolo della pensione degli autonomi a quella dei lavoratori dipendenti, anche se i versamenti dei primi erano enormemente inferiori a quelli dei secondi. La nuova legge disponeva, con effetto dal 1° luglio 1990, che la misura dei trattamenti pensionistici venisse calcolata sulle contribuzioni versate dal 1982 in poi, applicando alla media dei redditi degli ultimi dieci anni (indipendentemente dai versamenti effettuati prima) o al minor numero di essi anteriori alla decorrenza della pensione, un coefficiente di rivalutazione pari al 2% per anno di iscrizione, con un massimo di 40 anni per cui la misura massima della percentuale di commisurazione della pensione al reddito veniva fissata dalla legge nell’80%.




1992 – 1995 RIFORMA TREU – RIFORMA CIAMPI
1995 RIFORMA DINI
ha rivoluzionato il sistema pensionistico italiano, con il cambio da RETRIBUTIVO A CONTRIBUTIVO
Il cambiamento più importante riguarda le modalità di calcolo della pensione. Nella fase antecedente al 1995 la somma a cui ammontava le pensione mensile veniva calcolata in base alla media dello stipendio percepito negli ultimi 10 anni. L'importo finale si aggirava all'incirca attorno al 70% di questa media. Con Dini, invece, il calcolo della pensione si effettua in base alla quantità dei contributi versati. La conseguenza diretta di questa riforma è un taglio delle precedenti pensioni di quasi il 50%. Per coloro che alla data di avvio della riforma, nel 1995, avevano già accumulato almeno 18 anni di contributi vale un sistema "misto" che prevede che il calcolo dell'effettiva pensione percepita dipenda per il 50% dai contributi versati e per il rimanente 50% dal proprio reddito. Per quanto riguarda l'accesso all'età pensionabile, la riforma prevede, con 35 anni di contributi, una fascia di età tra i 57 e i 65 anni. Al contribuente è lasciata la possibilità di scegliere, con incentivi crescenti per prolungare l'età lavorativa: a 65 anni si ottiene la pensione piena (quella che il contribuente avrebbe percepito con il vecchio sistema) e a 67 anni la pensione piena più un premio. Inoltre, essendo la pensione calcolata non più in base all'ultimo stipendio ma all'ammontare (rivalutato) dei contributi, più si rimane sul posto di lavoro, più alta sarà la pensione.

2004 - RIFORMA MARONI

La Legge n. 243 del 23 agosto 2004, pubblicata sulla G. U. del 21 settembre 2004, (entrata in vigore il 6.10.2004) attua una nuova riforma del sistema previdenziale.



La riforma PREVEDEVA, per il periodo 2004-2007, incentivi economici per coloro che decidono di continuare l’attività lavorativa anche se in possesso dei requisiti assicurativi e anagrafici per il diritto alla pensione di anzianità.



La riforma si propone di raggiungere due obiettivi, largamente condivisi a livello europeo:
  • elevare gradualmente l'età pensionabile, principalmente su base volontaria, con il prolungamento dell’attività lavorativa ( comma 6 e 7);
  • sviluppare la previdenza complementare, da affiancare a quella pubblica, finanziandola con il T.F.R. OSSIA RIUSCENDO A ERODERE ANCHE L'ULTIMO BALUARDO CONTRO LA POVERTA' EFFETTIVA -
  • ai lavoratori la cui pensione è liquidata esclusivamente con il sistema di calcolo contributivo (lavoratori privi di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995 ossia tutti i lavoratori che hanno esercitato l’opzione per il calcolo contributivo)



QUESTA RIFORMA NON E' MAI STATA APPLICATA ALLA PREVIDENZA DEI LIBERI PROFESSIONISTI! - con una Circolare del ministero n. 105 del 19 settembre 2005



RIFORMA 2007
Requisiti per andare in pensione:
  • 65 anni d'età per gli uomini, 60 per le donne
  • 40 anni di contributi indipendentemente dall'età
  • 35 anni di contributi e 60 d'età (61 per gli autonomi)
  • 35 anni di contributi e 57 di età per le donne (la rendita sarà calcolata soltanto con il metodo contributivo)
Regimi particolari saranno previsti, d'intesa con le parti sociali, per:
  • chi ha esercitato un lavoro usurante o precoce
  • le lavoratrici madri
  • chi assiste disabili

Dal 2010

Requisiti per andare in pensione:
  • 40 anni di contributi a prescindere dall'età
  • 35 di contributi e 61 anni di età (62 per gli autonomi)
  • Per le donne restano i 60 anni di età

RIFORMA TREMONTI

stretta sull'età pensionabile – aggancio all'aumento medio della vita (e alla diminuzione della qualità della stessa...) - stretta sulle pensioni di invalidità, di reversibilità, ecc.

2012 – - RIFORMA MONTI

l'Europa ci chiede una nuova riforma. Monti ubbidisce – la pensione non è più un diritto, ma un privilegio. Occorre dire altro?
Dal 1898 una lunga serie di riforme, una lento ma tenace lotta per la conquista dei nuovi diritti, fino agli anni Settanta, poi un lento e inesorabile declino. Ai sindacati, ai partiti, alla società civile, ai lavoratori non è restato che lottare per rallentare il più possibile, cedendo ogni volta quote di diritti acquisiti.


e ora, i soliti consigli di lettura:

per uno sguardo più "datato" ma molto documentato è valido sempre il libro di Armando Cherubini,
Storia delle previdenza in Italia, 1860-1960, Editori Riuniti, Roma 1977,

oppure, più recente,
Antonietta Albanese, Carla Facchini, Giorgio Vitrotti, Dal lavoro al pensionamento:
vissuti, progetti : riflessioni e ricerche, Franco Angeli Editore, Milano 2006
libro


giovedì 10 maggio 2012

E se tentassimo di collaborare?


«Il terreno comune c’è. Ed è quanto di più nobile e attraente possa offrirsi a degli spiriti sinceramente amanti del progresso e della libertà. E’ la lotta contro le attuali classi dirigenti, grette, incapaci e disoneste, si chiamino borghesia o plutocrazia o pescecanismo o parlamentarismo. Non è possibile lasciar loro più oltre la potenza del denaro e il potere governativo e amministrativo: sono una casta che deve cadere, e cadrà».

(Mario Carli, Roma Futurista, 19 luglio 1919)