giovedì 2 luglio 2009

Farewell To Arms, Farewell To Ernest



Il 2 luglio 1961, a Ketchum, nell’Idaho, Ernest Hemingway mette fine alla sua vita ad appena 62 anni, dopo un periodo di forte depressione.
Non starò qui a fare la biografia di questo gigante della letteratura, nè a decantare i suoi libri. Mi permetto solo di segnalarvene uno, di argomento storico, che ha avuto un’importanza fondamentale nella mia formazione.
“Addio alla armi” (A Farewell To Arms), ambientato nell’Italia della Prima Guerra, dove svolgeva servizio come autista di ambulanze.
Il libro, pubblicato nel 1929, era proibito durante il fascismo, poiché lo considerava lesivo della reputazione della Forze Armate (parlava di Caporetto... figuriamoci). Lo tradusse, per primo, Fernanda Pivano, durante la seconda guerra mondiale, e, per questo, sperimentò il carcere fascista.
Segnalo la sua traduzione, quindi, nell’edizione del 1965, per Mondadori.

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate tutto liberamente, senza censura. Detto questo, però, vi prego di usare moderazione nel linguaggio. Grazie.