giovedì 14 ottobre 2010

videoracconto sull'avvento della dittatura fascista - Fontaniva 20 ottobre 2010



OTTOBRE FONTANIVESE  2010
AULA MAGNA Scuole Medie
Mercoledì 20 ottobre 20,30

Presentazione del libro
Carlo Giacchin     
ATTENTATO ALLA FIERA. Milano 1928 (Mursia 2009) e video racconto sull'avvento della dittatura fascista e sulla trasformazione dello stato.
Il 12 aprile 1928 tra la folla che aspetta Vittorio Emanuele III in visita a Milano per inaugurare la Fiera esplode una bomba: venti morti e quaranta feriti il tragico conto dell'attentato. Per quindici anni i vari corpi di polizia indagheranno senza risultato. Attorno alle inchieste si muove un sottobosco di spie, informatori e traditori, uomini dello Stato e ambigui antifascisti, fascisti estremisti e gerarchi corrotti. La strage provoca una lunga scia di arresti e di brutalità, rivelando uno dei lati più oscuri del potere fascista. Ma mostrerà anche insospettabili spazi di indipendenza e di coraggio investigativo, slanci di generosità e di dirittura morale. Attraverso un lungo lavoro di ricerca d'archivio e di paziente ricostruzione degli avvenimenti, l'autore Carlo Giacchin ripercorre la storia delle varie indagini e dei protagonisti facendo luce su una vicenda ancora avvolta nel mistero.
Durante la presentazione, l'Autore illustrerà le fonti del volume, e la ristampa di "1930. Retroscena di un dramma", di Bianca Ceva (edizioni Pontegobbo, 2010), una delle principali fonti per la ricostruzione della vicenda umana e politica di Umberto Ceva, ingiustamente accusato di essere uno dei responsabili della strage di Milano, e capitolo centrale del libro di "Attentato alla Fiera"

La presentazione sarà preceduta da un videoracconto sull'avvento del fascismo e sulla trasformazione in dittatura dopo gli attentati del periodo 1926-28. Sarà proiettato materiale inedito, tratto dagli archivi ancora poco indagati dalla storiografia.

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate tutto liberamente, senza censura. Detto questo, però, vi prego di usare moderazione nel linguaggio. Grazie.